• Via Dandolo, 58 - Roma
  • 06 589 76640 - 06 580 9764
  • info@cser.it

Il Centro Studi Emigrazione – Roma (CSER) è un’istituzione con finalità culturali avviata nel 1963 dai Missionari di San Carlo (Scalabriniani). Il Centro studia il fenomeno migratorio con un approccio interdisciplinare, approfondendo gli aspetti sociologici, demografici, storici, economici, etici e legislativi della mobilità umana.

CSER è membro dello Scalabrini International Migration Network e fa parte della rete internazionale dei Centri Studi Scalabriniani presenti a Parigi (CIEMI), New York (CMS), San Paolo (CEM), Buenos Aires (CEMLA), Manila  (SMC) e Cape Town (SIHMA) . La Fondazione CSER collabora costantemente con Scalabrini International Migration Institute (SIMI), con l’Ufficio comunicazione Scalabriniani (UCoS) e con Agenzia Scalabriniana per la Cooperazione allo Sviluppo (ASCS).

Gli Ultimi Progetti

Capire le Migrazioni

Il progetto “Ponte di Dialoghi” grazie alle tecnologie dei video a 360 gradi e all'utilizzo di visori speciali e di una app, propone ai ragazzi di

WIP – WEB4NEET: due progetti di formazione per giovani migranti e rifugiati

I progetti WIP "Formazione professionale e Cultura" rivolto a giovani migranti e rifugiati, giunti in Italia come Minori

Ponte di Dialoghi

Il progetto “Ponte di Dialoghi” nasce per promuovere una cultura della conoscenza, accoglienza e convivenza. Nasce per promuovere una cultura d

Gli Ultimi Eventi

Festival del VRE – Virtual Reality Experience (VRE): Ponte di Dialoghi

La Fondazione CSER,  partecipa con l'esperienza immersiva Ponte di Dialoghi al VRE - Virtual Reality Experience (VRE). VRE - Virtual Reality Exper

Indagine conoscitiva sulle condizioni e sulle esigenze delle comunità degli italiani nel mondo

Il 29 Gennaio 2020 il Direttore Scientifico della Fondazione CSER è intervenuto all' Audizione del Senato su Indagine conoscitiva sulle condizioni

Rome: City of immigrants from Antiquity to the Present

Il 24 febbraio 2020 L'intervento “Rome a city of immigrants from antiquity to the present”, del Dirett