• Via Dandolo, 58 - Roma
  • 06 589 76640 - 06 580 9764
  • info@cser.it
Image Not Found

Category Page: Home

Ampliamento della Biblioteca Digitale

La Fondazione CSER, con il supporto della Conferenza Episcopale, sta creando una Biblioteca digitale di libero utilizzo. La Biblioteca digitale raccoglie i numeri della Rivista Studi Emigrazione dal numero 1 del 1964 al 200 del 2015, la stiamo, inoltre, arricchendo dei numeri della rivista scalabriniana L’Emigrato dal 1904 fino al 1990 e presenta una ricca

WIP – WEB4NEET: due progetti di formazione per giovani migranti e rifugiati

I progetti “WIP & WEB4NEET” nascono per dare a giovani ragazzi migranti e rifugiati la possibilità di acquisire competenze digitali e di compiere un tirocinio professionale in enti del settore cultura. I progetti WIP “Formazione professionale e Cultura” rivolto a giovani migranti e rifugiati, giunti in Italia come Minori Stranieri non accompagnati, e il progetto

Ponte di Dialoghi: un progetto di educazione empatica

La Fondazione CSER è promotrice del Progetto “Ponte di Dialoghi” La presenza di migranti in Europa può essere un’occasione di crescita positiva per i Paesi di accoglienza: una crescita non solo demografica o economica ma soprattutto sociale e culturale per tutta la comunità, autoctona e straniera. Il primo passo verso una società aperta e pluralista

Capire le migrazioni

Il progetto “Ponte di Dialoghi” grazie alle tecnologie dei video a 360 gradi e all’utilizzo di visori speciali e di una app, propone ai ragazzi di “vivere” il viaggio dei migranti e la realizzazione di laboratori di rielaborazione dell’esperienza vissuta virtualmente dai ragazzi, con la presenza di testimoni diretti delle migrazioni umane: esperti e migranti

Roma Riflessioni per una rinascita – Una città poco accogliente

La Fondazione CSER ha partecipato al volume “Roma. Riflessioni per una rinascita” curato dal prof. Marco De Nicolò per Lithos Editore. Il volume vuole offrire analisi e riflessioni per un dibattito sulla rinascita della città di Roma: con spunti interdisciplinari diversi studiosi tentano di indicare percorsi possibili di sviluppo per la città. Per leggere il

L’immigrazione a Roma nel secondo dopo guerra

Quest’anno nell’ambito dell’Osservatorio Romano sulle migrazioni (IDOS) la Fondazione CSER ha offerto un’analisi storica dell’immigrazione a Roma nel periodo 1645-1960. L’articolo si colloca nel progetto di valorizzare conoscenze storiche sulla mobilità umana da sempre curato dal prof. Matteo Sanfilippo e troverà maggiore sviluppo nella collana editoriale e didattica collegata al progetto Ponti di Dialogo. Per

Biblioteca digitale

Dal 2018 la Fondazione Centro Studi Emigrazione, grazie al prezioso contributo e sostegno della CEI, ha aggiunto un nuovo settore al Centro di Documentazione sito in Via Dandolo. La nostra storica Biblioteca, composta da oltre 75.000 volumi sui temi della mobilità umana, si è ora arricchita di una sezione digitale. Questa nuova area è stata

I nostri Policy Report

Anche quest’anno la Fondazione Centro Studi Emigrazione con la preziosa collaborazione dell’IRPPS – Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali ha partecipato al Report internazionale della Federazione dei Centri Studio sulle Migrazioni. Quest’anno abbiamo deciso di dedicare il nostro approfondimento al delicato tema dei minori stranieri non accompagnati . Per leggere e scaricare

Comunicare l’Immigrazione

Emigrazione e media rappresentano un binomio di grande interesse e attualità. Numerosi studi dimostrano come, nonostante l’immigrazione si presenti nella società in molteplici volti, i mezzi di informazione italiani, e non solo, quotidianamente ne omogeneizzino la realtà, bypassando termini che di fatto si riferiscono a storie e piani diversi, favorendo la confusione e la distorsione

Dialoghi e Letture: Un “luogo per parole, idee e azioni” in Via Dandolo

Dialoghi e Letture è una proposta che la Fondazione Centro Studi Emigrazione e l’Ufficio Comunicazione Scalabriniani di Roma che è iniziata nel 2016 e che viene portata avanti ancora. L’idea è quella di ospitare nella sede di Via Dandolo la presentazione di volumi e studi che facciano strada insieme a chi migra, offrendo un’ulteriore occasione